sabato 16 luglio 2016

Recensione: Un disastro chiamato amore

Titolo: Un disastro chiamato amore
Autrice: Chiara Giacobelli
Editore: Leggereditore
Prezzo: 14,90
eBook: 4,99

Trama: Francese con un lavoro a Parigi e un appartamento a Montmartre, Vivienne Vuloir, è una ragazza buffa e imbranata che colleziona una figuraccia dietro l'altra, fa i conti con una fallimentare carriera di scrittrice e soffre di un numero indefinibile di follie. A trent'anni ha dimenticato il sapore di un bacio, si è adattata ad essere identificata come 'quella che si occupa di gossip', ma soprattutto ha perso completamente fiducia nel genere umano specialmente se maschile. Quando un giorno riceve un'inattesa telefonata da un certo Mr Lennyster, figlio di un'importante attrice italiana, su cui ha da poco redatto un dossier, è certa di subire una grossa lavata di capo. Invece, l'uomo vuole commissionare la biografia della madre. Così. ben presto Vivienne si troverà ad affrontare un'avventura a cui non è affatto preparata: un viaggio in Italia, un libro da scrivere, un uomo affascinante, dolce ma oscuro, e una villa piena di misteri da risolvere. Tra gaffe, tentativi maldestri di carpire i segreti di famiglia Lennyster, amori e altre catastrofi, Vivienne, inguaribile pessimista, capirà che la vita sta per riservare una sorpresa inaspettata. 


Cosa ne penso???

La vita di Vivienne Vuloir, scrittrice francese di gossip, viene totalmente sconvolta quando riceve in ufficio una telefonata da Alex Lennyster, figlio di Elisabetta Grimaldi, che è rimasto molto colpito da un suo articolo e vorrebbe che lei scrivesse una biografia su sua madre. Ovviamente, Vivienne, da grande appassionata della storia e vita di questa famosissima attrice italiana non ha alcuna intenzione di perdere quest'occasione e la prende subito al volo.  C'è solo un piccolo problema: lei è la collezionista per eccellenza di figuracce e non ne combina mai una giusta. E' terribilmente ipocondriaca e ha paura dell'amore, perché si, ha rinunciato all'amore e non vuole averci nulla a che fare. I suoi propositi vacillano quando arriva in Italia, precisamente in Liguria, alla casa del signor Lennyster e quello che doveva essere un 45enne, sposato con due figli, si rivela un 'fico pazzesco' di 33 anni. 
Ovviamente il loro incontro non poteva che iniziare con una tremenda gaffe.

Aaahi.
Oh,signore, chi ho ammazzato adesso? 
Mi sporgo per vedere che genere di danno irreparabile ho combinato stavolta. Le parole mi si congelano in bocca: un ragazzo in t-shirt, pantaloncini corti, fisico mozzafiato e terra abbronzante- la mia- polverizzata sulla sua chioma castana mi sta fissando con due occhi azzurri come il mare. E questo chi è ?

Da questo incontro Vivienne si prende una forte infatuazione per questo misterioso ma allo stesso tempo dolce e premuroso ragazzo, che comincia a farle conoscere i vari posti della sua terra e a raccontarle la storia della sua famiglia. Vivienne è sempre più affascinata dal grande amore che suo padre, George, provava per sua madre, Elisabetta,  tuttavia i conti non tornano e ci sono misteri irrisolti che lei si mette in testa di voler risolvere a tutti i costi e fa ciò con l'aiuto del fidato maggiordomo, Marco, che nella sua missione avrà il ruolo di Watson e con cui instaurerà un rapporto di amicizia. Alex e Vivienne cominciano a frequentarsi e il loro rapporto non sarà semplice amicizia ma qualcosa di più tuttavia a casa delle sue insicurezze , lei lo allontana, ferendolo ma non eliminando i sentimenti che Alex prova per lei. Nonostante ciò Vivienne si rende conto di una cosa: è perdutamente innamorata di Alex e non riesce a stargli lontano, ci prova in tutti i modi ma alla fine si butta nelle sue braccia. Conosce la sua famiglia e anche una ragazza misteriosa, Emily, che sta quasi sempre rinchiusa nella sua stanza. Vivienne farà di tutto per scoprire il segreto di Alex e il suo nesso a Emily  al punto di arrampicarsi sugli alberi, tuttavia ciò che scoprirà la lascerà sconvolta talmente tanto che vorrà spiegazioni da Alex. Alex pur di non allontanarla, perché tiene troppo a lei, le racconta la verità tuttavia prima di far ciò Vivienne lo ferisce nel profondo a tal punto che lei non sa se lui sarà mai in grado di perdonarla.
Riuscirà Alex a perdonarla?
O la lascerà andare per sempre?

Ho trovato questo romanzo STRATOSFERICO nel vero termine della parola. 
La descrizione dei posti e paesaggi liguri la senti talmente vera che ti sembra di viverla.
Me ne sono innamorata! Non riuscivo più a staccarmi dalle pagine talmente presa dalle scene super divertenti (ridevo da sola come una beota ogni 10 pagine) e dai misteri che avvolgevano Alex e la sua famiglia che volevo saperne di più. Il finale ha lasciato di stucco e da ciò si può evincere che ci sarà un prosieguo. Consiglio vivamente questa lettura allegra e frizzante a tutti !
Voto: 5



Nessun commento:

Posta un commento